Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

^Back To Top

Dona il tuo 5 per mille alla Federconsumatori - Codice Fiscale: 97060650583

Archivio 2010

COMUNICATO STAMPA

Tredicesima 2009: come sarà utilizzata? Sondaggio della Federconsumatori.
Il 18,3% degli intervistati coprirà i debiti contratti nel 2009

 

Anche quest’anno l’osservatorio della Federconsumatori di Palermo ha realizzato il sondaggio per documentare come saranno utilizzate le tredicesime. Sono stati intervistati i cittadini che si sono rivolti al ns. sportello di consulenza, mentre altre interviste sono state effettuate in prossimità di centri commerciali, per un totale di 685 interviste.
La fetta più consistente della tredicesima, il 52,1%, sarà destinata per il pagamento del mutuo, delle bollette e delle tasse di fine anno (assicurazione auto, bollo auto, canone Rai, ecc). In alcuni casi, sarà l’80% della tredicesima che si volatizzerà per i pagamenti di fine anno. Il 18,3% degli intervistati utilizzerà la tredicesima per coprire i debiti accumulati durante l’anno.
 

Rispetto all’8,90% del 2006, il 15,30% del 2007, il 18,1 del 2008, è ancora aumentata seppur di poco, il 18,3%, la percentuale delle famiglie costrette a utilizzare la tredicesima, in parte e/o tutta, per coprire l’indebitamento contratto durante il 2009. Indice di progressivo impoverimento delle famiglie.


Il 28,2% della tredicesima sarà destinata per le spese della casa: addobbi natalizi e pranzo importante della festività, abbigliamento, l’elettrodomestico nuovo che tanto occorre, rinnovare qualche mobile d’arredo, per dare l’anticipo per l’acquisto di una vettura euro 4 o 5, o la moto nuova, sfruttando gli incentivi per la rottamazione e per prevenire le restrizioni alla circolazione in città. Registriamo un leggero incremento nei consumi, dal 26% del 2008 al 28,2 di quest’anno.
 

Solo l’11% della tredicesima sarà destinato per acquistare regali. Il 60,6% degli intervistati farà regali. Regali non eccessivamente costosi, per il budget ridotto, e scambiati quasi
esclusivamente in famiglia, l’87%. Residuale la consuetudine di scambiarsi i regali fuori dall’ambito familiare. Solo il 13%.
Il 51,5% degli intervistati pensa che spenderà quanto il precedente anno. Rispetto al 2008, quando prevaleva la tendenza alla riduzione dei consumi, con il 47% che dichiaravano che avrebbero speso meno, quest’anno prevale una stabilizzazione dei consumi.


Un dato interessante è l’incremento della quota di tredicesima che si pensa di accantonare, dal 7,8% del 2008 all’8,7% del 2009. Una tendenza che riguarda soprattutto i pensionati, come
prevenzione per l’incertezza economica del futuro e la crescente preoccupazione per l’aumento delle spese per medicine e diagnostica.
Infine, alla domanda su quali settori hanno registrato i maggiori incrementi di prezzi, la risposta, immediata, ha puntato sul settore alimentare, pasta pane e generi di prima
necessità, e sulla pressione fiscale.


Lillo Vizzini, presidente reg.le: “I dati raccolti confermano lo stato di affanno e di estremo disagio delle famiglie, costrette sempre più a indebitarsi con gli acquisti rateali e l’uso delle
carte revolving per pagare la spesa. L’insostenibile crisi economica, porta sempre più famiglie italiane a non poter onorare le rate, impegno sempre più gravoso che si porta il 33% del reddito. Infatti, si consolida il boom dei pignoramenti e delle esecuzioni immobiliari, secondo i dati raccolti nei tribunali ed elaborati da Adusbef. A Palermo si è passati dai 460 pignoramenti del 2008 ai 523 del 2009, con un incremento del 13,7%. Per risollevare i consumi servivano provvedimenti economici più coraggiosi: la detassazione delle tredicesime e un bonus fiscale per i lavoratori a reddito fisso e i pensionati di almeno 1.200 euro per i redditi sotto i 25.000
euro”.

Palermo, 21 dicembre 2009

Copyright © 2013. Federconsumatoripalermo.it  Rights Reserved.